Milano più vicina, nelle ore di punta

La tratta Crema-Milano è sempre stata la più critica per i pendolari creamaschi, sia su ruota (traffico) che su rotaia (ritardi e cancellamenti). Mentre la situazione della tratta ferroviaria rimane ancora critica, i pendolari su strada hanno negli ultimi anni beneficiato di diversi miglioramenti. Il raddoppio della Paullese nel tratto Cremasco ha notevolmente ridotto gli ingorghi e velocizzato il tragitto, con la situazione che migliorerà ancora una volta che il progetto sarà concluso anche dal lato Milanese (anche se qualcosa si potrebbe fare già adesso). Ma per i pendolari che usufruiscono della linea K521 ci sarà preso un nuovo cambiamento. Per molti anni il percorso dell’autobus, durante le ore di punta, passava per la tangenziale di Lodi per poi prendere l’autostrada A1. Un percorso molto più lungo ma che permetteva comunque di risparmiare tempo, tanto era la gravità degli ingorghi sulla Paullese.

Ma, come già detto, il traffico lato Cremasco è molto migliorato, tanto che il percorso normale risulta essere più veloce del percorso passante per Lodi-A1. Ed ecco la novità: è stato annunciato che dall’11 dicembre si dirà addio alla tangenziale di Lodi durante le ore di punta. Autoguidovie e TEEM si sono accordate per un nuovo tragitto: Paullese fino a Paullo, entrata in A58 e quindi tratta finale in A1 come prima. Senza passare per Lodi. Un percorso che, a detta dei responsabili della Tangenziale Esterna, permetterà di risparmiare 15 minuti: da 55 si scende a 40. Al momento è prevista solo una sperimentazione di 3 mesi, ma pare che le due parti siano ottimiste nella sua continuazione. Da pendolare che spesso si trova ad usare questo percorso sono molto curioso di vedere se il risparmio di tempo sarà effettivamente di 15 minuti: se l’iniziativa ha successo potrebbe incentivare ancora più gente ad abbandonare l’auto per l’autobus.

Lascia un commento