L’ex chiesa da recuperare

In questi giorni è tornato l’argomento del Mercato Austroungarico, con il Comune che ha aperto un bando per il suo utilizzo estivo. Si è aggiunto Sussurrandom, con un articolo sui tesori di Crema nascosti o dimenticati.  Anche noi vogliamo proporre un luogo dimenticato, proprio di fianco al Mercato Austroungarico e al San Domenico. Si tratta della l’ex chiesa di Santo Spirito e Santa Maddalena, sconsacrata nel 1810 e che, una volta diventata properità della famiglia Vimercati, è stata in seguito utilizzata in ogni modo. Scuola, teatro, cinema, semplice magazzino. Nel 1980 è stato inaugurato un auditorium concesso al Comune, ma pare che siano ormai passati 17 anni dall’ultimo utilizzo pubblico. O anche no, ricercando informazioni sulla chiesa siamo capitati su un altro paio di articoli di Sussurandom, riguardanti un party privato del 2015, con un video di Mandelli risalente al 2011 in cui riassume abbastanza bene la storia della chiesa. Ma dopo il 2015, nuovamente il nulla. Riprendiamo quindi la battaglia di Sussurrandom per riportare l’attenzione sulla vicenda.

Purtroppo non siamo riusciti a trovoare foto degli interni, ma dopo tutti questi anni ci sarà di sicuro da rimetterci mano. Perché non approfittarne per fare un lavoro in contemporanea al Mercato Austroungarico? Potrebbe tornare a essere un auditorium da dedicare a diversi eventi, una sala conferenze o anche uno spazio espositivo, l’unico limite è detatto dal livello di coinvolgimento della famiglia Vimercati. Si potrebbe pensare a interventi più drastici, con la completa conversione della struttura. Nel mondo diverse chiese sono state trasformate in uffici o biblioteche.

L’ex Chiesa di San Paolo Converso, trasformata nel 2014 negli uffici di uno studio di architettura.

Cose che comunque a Crema sono già state fatte, basti pensare appunto al San Domenico e al Museo Civico di Crema, entrambi complessi religiosi convertiti. Probabilmente non si oserà così tanto, ma oggi un utilizzo pubblico si troverebbe sicuramente e ciò permetterebbe di restituire alla comunità un edificio storico della città.

Aggiornamento: Emanuele Mandelli ci ha linkato un articolo di Sussurrandom che non avevamo notato in cui viene raccontata la storia del recupero da parte di 15 cremaschi.

2 pensieri riguardo “L’ex chiesa da recuperare

Rispondi a emanuele Annulla risposta