Gli investimenti immobiliari a Crema

Sono due notizie di questi giorni: la prima è la comparsa di un possibile acquirente della ex scuola di CL, la seconda è che finalmente qualcuno l’ex distributore di Porta Serio sarà recuperato. La cosa ci ha portato a riflettere su come a Crema gli investimenti immobiliari, grandi che piccoli, siano ripartiti negli ultimi 2 anni dopo una lunga pausa. Facciamo una lista, sperando di non aver dimenticato niente.

Alcuni, data la loro importanza,  sono stati più o meno pubblicizzati da Comune e giornali:
– Il recupero dell’ex Corpo di Guardia di Porta Ombriano da parte di BPM;
– Il recupero degli stabilimenti ex-Olivetti da parte di Ancorotti;
– Il progetto residenziale a Castelnuovo, grazia al quale è stato realizzato il ponte ciclopedonale e verrà realizzato un parco;
– La demolizione/ricostruzione dell’edificio all’incrocio di Via Cremona e Via Cadorna;
– Il già citato recupero del distributore di Porta Serio;
– Se verrà confermato, il recupero della scuola di CL da parte di questo imprenditore.

Altri di minore importanza sono passati inosservati, ma rimangono un segnale importante per il mercato:
– La costruzione di una palazzina tradizionale in Via Pandino, quasi completata;
– La costruzione di una palazzina in stile moderno in Via Desti, nella fase iniziale;
– La costruzione di un edificio di cui non siamo sicuri della destinazione in Via Mercato, in costruzione;
– Non esattamente immobiliare, la costruzione di un piccolo parcheggio in Via Carlo Urbino (stranamente ignorato dai giornali nonostante la sete di parcheggi e visto che l’area era in stato di abbandono da anni).

Come interpretare tutto questo? Sicuramente è prova della ripresa del mercato di Crema, nuovamente in grado di attirare investimenti. Noi speriamo che tutto questo continui portando al recupero dei altri edifici trascurati, ricucendo il più possibile il tessuto urbano.

Lascia un commento